Sabato 23: Foschi, Porazzi, Magnoli, Morchio, Lama e Carlomagno

‘Indagini al di sopra di ogni sospetto’

presentazione dei romanzi e incontro con Paolo Foschi, autore di ‘Omicidio al giro’ (ed. e/o), e Pierluigi Porazzi, autore di ‘Azrael’. Sara Magnoli, autrice de ’Se il freddo fa rumore’. Presentano Alessandro Vizzino e Michele Marangon.

‘Azrael’
Un misterioso assassino è pronto a colpire utilizzando lo stesso modus operandi del Teschio, il serial killer che agiva coperto da un’inquietantemaschera che gli è valsa il soprannome. Ma il Teschio è stato catturato, e attualmente è rinchiuso in un carcere di massima sicurezza. Allora chi si nasconde dietro la maschera del killer? Chi uccide imitando i macabri rituali del suo predecessore? Qualcuno che sta mettendo in atto una vendetta nei confronti dell’ex agente e profiler Alex Nero? Un complice? Un imitatore? Un seguace? Chi è Azrael? Questi sono gli inquietanti interrogativi a cui sarà chiamato a rispondere Alex Nero… Lo scrittore Pierluigi Porazzi ci spinge lì dove il Male si annida feroce con la sua grande capacità narrativa…

‘Se il freddo fa rumore’ – Sara Magnoli

Per Sara Magnoli il freddo ha un’anima. Provare per credere nel romanzo ‘Se il freddo fa rumore’ parte con due ragazzine che non si conoscono sparite misteriosamente dalla stessa cittadina. Ecco un groviglio di emozioni, sentimenti e relazioni dove niente è come sembra. Un inquietante caso per il vicequestore Luciano Mauri e per la giornalista Lorenza Maj. In una solitudine che penetra nelle ossa. Proprio come il freddo.
‘Omicidio al giro’
Alla vigilia del Giro d’Italia, il favorito Paolo Fallai muore in un misterioso incidente stradale mentre si allena sulle strade della periferia di Roma. L’inchiesta viene affidata alla Sezione crimini sportivi guidata da Igor Attila, con l’esplicito invito a chiudere in fretta il caso e senza alzare troppo polverone. Il commissario-pugile, fra colpi di scena ed episodi divertenti, si getta invece a capofitto nelle indagini determinato a scoprire la verità, come sempre affiancato dall’odiosa vice Chiara Merlo. Fra prove scomparse, sospetti di doping e parallelismi con il dramma umano di Marco Pantani, l’inchiesta sembra arenarsi. Ma la squadra di detective improbabili non molla… L’esilarante stile narrativo di Paolo Foschi, caporedattore del Corriere della Sera, colpisce ancora con il suo ‘Omicidio al Giro’, ultimo capitolo della sua saga di inchieste sportive.

 

Festival Giallolatino, sabato 23 settembre ore 17.15  . Circolo cittadino . piazza del Popolo . Latina.

‘Il respiro del male’

presentazione dei romanzi e incontro con gli autori Diego Lama – Sceneggiata di morte. Bruno Morchio – Io e Bacci Pagano. Piera Carlomagno – Intrigo a Ischia. Presentano Enrico D’Antrassi e Fabrizio Giona.

 

Sceneggiata di morte
Nella città appena uscita dall’epidemia di colera, il commissario Veneruso deve risolvere un caso in apparenza di scarso interesse: trovare l’assassino dell’ex prostituta Maddalena Portolano, mantenuta del ricco Raimondo Satriano, cui ha dato un figlio. Ma quale dei tre ragazzi di Maddalena è l’erede della fortuna di Satriano? Ne ‘Sceneggiata di morte’ Diego Lama indaga tra segreti e intrighi familiari, col suo commissario Veneruso che si renderà conto che la vicenda è una grande commedia dove tutti – tranne forse i morti – recitano la loro parte. E sono tutti bravissimi attori.

 

Io e Bacci Pagano
Chi è Bacci Pagano, l’investigatore nato dalla penna dello psicologo Bruno Morchio? È un investigatore privato genovese, ironico e disilluso, amante della musica di Mozart, del buon vino e della buona tavola oltre che delle donne (fra le quali Mara, la sua compagna psicologa, che lo definisce “analfabeta dei sentimenti”). Viaggia su una Vespa amaranto e non porta le mutande, dalla parte dei perdenti perché figlio di un operaio genoano e comunista. Protagonista dei romanzi di Morchio è Genova, filtrata dagli umori e dalla memoria del protagonista e raccontata privilegiando alcuni quartieri, come la delegazione operaia di Sestri Ponente, il levante cittadino, ricco di crêuze che scendono al mare, la circonvallazione a monte e, soprattutto, la città vecchia con i suoi caruggi, i palazzi fatiscenti ed il suo popolo fatto di artigiani, pensionati, immigrati e bagasce.

 

Intrigo a Ischia
Mina Scotto De Falco, matriarca di una dinastia di costruttori e proprietaria del lussuoso Hotel Makadi a Ischia, viene trovata morta in piscina in una notte di inizio estate. I sospettati? Quasi tutti i familiari che risiedono nello stesso albergo: i cognati avidi, le cognate pettegole, una nipote troppo affascinante, il secondo marito giovane e sciupafemmine… Passano solo poche ore e nei Quartieri Spagnoli di Napoli, viene uccisa Patrizia, il più bel femminiello della casa da gioco e di piacere della signora Candida. Due mondi lontanissimi, due casi diversi. Oppure no? Indaga Annaluce Savino, spregiudicata cronista locale avvezza alle luci e alle ombre del bel mondo ischitano. Nel quadro di ‘Intrigo a Ischia’ indaga il commissario Baricco, creato dalla penna della giornalista Piera Carlomagno.

Festival Giallolatino, sabato 23 settembre ore 18.15 . Circolo Cittadino . piazza del Popolo . Latina

 

 

Comments are closed